C’è un pericolo nel piatto?

Sappiamo quello che acquistiamo? Come è preparato? Dove è preparato?

Oppure ci preoccupoamo solo del prezzo???  Corriamo dei rischi??

Alcuni dati:

L’Autorità Europea per la sicurezza alimentare (EFSA) e il Centro Europeo per il controllo delle malattie (ECDC) hanno pubblicato la relazione comunitaria sui focolai di tossinfezioni alimentari (i dati riguardano l’anno 2007): sono stati segnalati 5.609 casi che hanno coinvolto circa 40.000 persone con 19 decessi.

Quali agenti sono i maggiori responsabili? La salmonella lo è nel 40% dei casi (soprattutto uova o prodotti a base di uova), al secondo posto troviamo i virus (crostacei, molluschi, pranzi a buffet); al terzo posto troviamo il campylobacter (pollame, carne in genere).

Dove si verificano questi episodi? La maggioranza di questi focolai di tossinfezione alimentare avviene A CASA tra le mura domestiche, seguono il ristorante, bar, ristorazione collettiva in genere e successivamente le mense scolastiche o aziendali.

Evidentemente, tra i consumatori non c’è ancora abbastanza informazione riguardante la gestione degli alimenti.

Siamo bombardanti riguardo a fantomatici pericoli di influenze aviarie o mozzarelle blu, ma non siamo messi a conoscenza che il pericolo più vicino a noi è il nostro comportamento rispetto alla scelta, alla conservazione e manipolazione degli alimenti a casa nostra!!

batterio_killer_igiene_alimenti_prevenzione

  1. CONTROLLA: seleziona i tuoi fornitori, pretendi informazioni su ciò che acquisti, leggi le etichette.
  2. PULISCI: l’igiene è fondamentale, attrezzature, superfici, igiene delle mani, ecc.
  3. SEPARA: tieni protetti gli alimenti, evita il contatto diretto o indiretto tra i vari alimenti.
  4. CUOCI: la cottura uccide i batteri
  5. REFRIGERA: la scorretta conservazione degli alimenti deperibili è tra le prime cause di tossinfezioni alimentari. Dobbiamo sapere a che temperatura è il nostro frigorifero.
  6. GETTA VIA: se sospetti che l’alimento abbia dei problemi non esitare a buttarlo; per evitare sprechi però cerca di acquistare il minimo indispensabile per brevi periodi.

Segui gli aggiornamenti nei prossimi articoli, approfondirò questo vastissimo tema….