ETICHETTE PIU’ CHIARE E NON SOLO…

La Comunità Europea ha emanato in Regolamento n.1169/2011 che riguarda “l’informazione al consumatore relativamente ai prodotti alimentari”.

Questo regolamento non è solo mirato ad avere regole comuni per la libera circolazione delle merci ma ha come obiettivo anche la protezione della salute e degli interessi del consumatore. Infatti si afferma il principio di chiarezza e leggibilità delle etichette, si rende obbligatoria l’etichettatura nutrizionale (dal 2016) e si sottolinea l’importanza della evidenza di ingredienti allergeni in tutti i prodotti alimentari.

alimentazione

Come tutti i regolamenti ha pregi e difetti, per citare solo un esempio, voglio sottolineare un pregio: obbligo di indicare il tipo di oli vegetali utilizzati (olio di palma, olio di cardamomo, olio di cocco, ecc..) e un difetto: secondo il reg.1169/11 non è necessario indicare in etichetta lo stabilimento di produzione, lasciando però questa indicazione alla facoltà al titolare della produzione.

Una grande e positiva novità riguarda l’obbligo di indicazione degli ingredienti anche per gli alimenti venduti preconfezionati o somministrati dalle collettività (ristorazione, catering, mense, ecc.). A partire dalla data del 13 dicembre 2014 tutti i soggetti produttori e/o somministratori di alimenti sono responsabili dell’informazione al consumatore sui prodotti alimentari, secondo il principio che “per tutti gli alimenti sono rese disponibili e facilmente accessibili le relative informazioni obbligatorie” conformemente a quanto indicato dal regolamento stesso.

Vi siete mai chiesti il perchè fino ad oggi potevamo sapere la composizione dei prodotti acquistati confezionati, in modo da poter scegliere il giusto rapporto tra qualità e prezzo, ma altrettanto non era possibile per quanto comprato in pasticceria o al ristorante o dal salumiere? Adesso possiamo! Basterà chiedere al personale del negozio o del ristorante, il quale dovrà dare evidenza scritta della composizione di ciascun prodotto  rendendo evidenti eventuali allergeni in esso contenuti.

allergeni_elenco

Sottolineo ancora l’importanza per i soggetti portatori di intolleranze o allergie ai suddetti alimenti di poter individuare la presenza di questi in tutto ciò che acquista, non solo nei prodotti confezionati ma anche in quelli somministrati dai pubblici esercizi.

I titolari degli esercizi commerciali avranno la piena responsabilità di quanto dichiarato. Le informazioni devono essere complete ed esaustive. Ecco due esempi; di cui uno sbagliato ed uno corretto:

INVOLTINI DI VITELLO

INGREDIENTI: carne di vitello, formaggio Edamer, mortadella, prezzemolo, sale, pepe (SBAGLIATO)

INGREDIENTI: carne di vitello, formaggio Edamer (LATTE, fermenti lattici, sale, caglio microbico), mortadella (carne e trippino di suino, sale, saccarosio, spezie, PISTACCHI, aromi naturali, antiossidante E300, conservante E250), prezzemolo, sale, pepe (CORRETTO).

Dobbiamo accogliere questa opportunità! E’ un passo avanti per l’informazione al consumatore. Abbiamo adesso uno strumento in più per la protezione della nostra salute e per dare un giudizio obiettivo sul rapporto Qualità-Prezzo di ciò che acquistiamo anche in negozio o al ristorante.

GUARDA SEMPRE QUELLO CHE C’E’ NEL TUO PIATTO!!

DSC_000511

IMG_20150205_150538-1

E’ QUELLO DI CUI TI NUTRI…  E’ QUELLO CHE PAGHI CON I TUOI SOLDI!!